giovedì 7 luglio 2016

La grande famiglia a caccia di incarichi

Ho letto pochi minuti fa un interessante resoconto di tutti i parenti che il Ministro Alfano sarebbe riuscito a sistemare: non solo il fratello, di cui tanto si parla in questi giorni, ma anche la moglie e il padre, fino ad arrivare ai parenti più lontani. L'articolo parla di un "vero e proprio cerchio magico a caccia di incarichi e posti di rilievo".
Non ho idea di quali conseguenze ci saranno per il Ministro, anche se c'è chi parla di richiesta di dimissioni.
Ma in fondo qual è la novità? Le raccomandazioni di amici e parenti sono sempre esistite: i pochi eletti occupano posti di rilievo senza averne alcun merito, mentre la moltitudine deve faticare per avere uno straccio di lavoro spesso precario e con una misera paga. Ad esempio, non è un mistero per nessuno il fatto che in ambito universitario alcune cattedre siano addirittura ereditarie, mentre i ragazzi che vogliono fare ricerca devono patire la fame e arrangiarsi come possono con lavoretti aggiuntivi.
Certamente, deve indurre ad un'attenta riflessione il fatto che un atteggiamento del genere venga adottato dal Ministro di un Governo che si fregia di aver riformato il mercato del lavoro aumentando i posti per i giovani. Se, poi, i posti aumentano e vengono tutti occupati dalla stretta cerchia dei soliti noti, questo non sembra essere un problema per il Governo.
Singolare è anche la difesa di Lupi, dimessosi tempo fa dalla sua carica ministeriale sempre per vicende familiari: anche lui parla di sciacallaggio mediatico e di intercettazioni date in pasto ai giornali, di barbarie e di fraintendimenti.  Sicuramente, ogni persona deve essere considerata innocente, fino a prova contraria, ma quando le voci cominciano ad essere tanto insistenti e diffuse, un fondo di verità c'è sempre.
Intanto, il Ministro Alfano si è "dimenticato" di presentare il "decreto ponte" contenente le istruzioni necessarie per celebrare le unioni civili, in attesa dei decreti attuativi. Come sempre, ci sono altre priorità, cose più urgenti da fare (come sistemare i parenti), i diritti civili possono aspettare. 

15 commenti:

  1. è tutto normale purtroppo ed è quello schifo di normalità che diventa invisibile menefreghismo. ciao, gi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, purtroppo ci stiamo abituando a tutto questo schifo

      Elimina
  2. Lorenzo politici inetti !

    RispondiElimina
  3. Ormai non mi stupisco più di niente.Ciao Lorenzo,buon fine settimana. :-) Dolce

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, in effetti ci stiamo abituando.... e forse non è un bene. Ciao Dolce buon inizio settimana

      Elimina
  4. in ogni caso se mi licenziano spero di essere adottato da Alfano, così divento suo parente e...

    RispondiElimina
  5. Lorenzo non esistono politici onesti !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che onestà e politica sono due mondi lontani

      Elimina
  6. io come Amoon...Amo quell'Alfanoooooo come il fumo negli occhi!!!! orroreeeeeeeeeeeeeeeee....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Elek... davvero inquietante... e si permette di fare il moralista

      Elimina